CasaPound: Immigrati usati dal caporalato.

profughi.jpg
CasaPound torna ad Arpino. I militanti della tartaruga frecciata, allertati da qualche residente, sono tornati in città per constatare di persona la situazione degli immigrati che vengono sfruttati dal caporalato locale. Nella solita nota stampa le dichiarazioni di CadaPound Italia:
“Nei giorni scorsi siamo tornati ad Arpino, dove ormai la nostra presenza sta diventando una costante, per appurare quanto alcuni cittadini ci avevano segnalato. A quanto pare Arpino è una di quelle città dove esiste ancora il caporalato. Ogni mattina infatti decine di immigrati, sono soliti sostare lungo la terrazza del Belvedere, in attesa che uomini del posto passino a prenderli per poi fargli svolgere piccoli lavoretti, soprattutto agricoli. La cosa che ci lascia perplessi è che tutto questo avviene sotto gli occhi di tutti, e nonostante le diverse segnalazioni sembra non importare a nessuno, sindaco in primis. Ancora una volta ci troviamo a denunciare un fatto di massima illegalità e di sfruttamento legato al fenomeno immigrazione. È inaccettabile che nel terzo millennio ancora si verifichino queste situazioni che per noi sono assurde. Nei prossimi giorni torneremo in città per testimoniare quanto avviene, e in seguito porteremo le prove di quanto asseriamo al sindaco Rea affinché intervenga per mettere fine a questo scempio.”
scroll to top